STOMACO E DUODENO

Cancro gastrico

Il tumore dello stomaco è una delle poche patologie neoplastiche in riduzione di incidenza nei paesi occidentali; tuttavia è probabilmente più temibile perché per la sua scarsa frequenza è spesso diagnosticato in ritardo. Inoltre, l’efficacia dei moderni farmaci anti ulcera riduce la sintomatologia e la visibilità endoscopica anche delle forme tumorali.
La chirurgia prevede l’asportazione sub totale o totale dello stomaco. La ripresa della capacità digestiva migliora nel tempo, tranne che per l’assorbimento del ferro e della vitamina B12. La laparoscopia è indicata per le neoplasie a stadio iniziale. Per le forme più avanzate è preferibile la chirurgia tradizionale o, in casi selezionati, laparoscopica con l’ausilio del robot.

Ulcera perforata

L’ulcera gastrica e/o duodenale è anch’essa in calo di incidenza rispetto al passato ed appartiene ormai al capitolo della patologia medica. La chirurgia è indicata solo nel trattamento della complicanza perforativa che sostiene una peritonite diffusa e rischio di setticemia. L’intervento può essere eseguito agevolmente per via laparoscopica: dopo aver lavato ed aspirato il contenuto intestinale fuoriuscito si può suturare dall’esterno la perforazione ponendo a protezione della cucitura uno strato di grasso – grande omento – presente nell’addome.

Sleeve gastrectomy

La sleeve gastrectomy è una forma di chirurgia restrittiva del passaggio del cibo quale trattamento dell’obesità patologica. Rispetto al bendaggio gastrico – vedi – è sicuramente più efficace in quanto offre risultati durevoli nel tempo ma è sicuramente un intervento più complesso ed irreversibile. Consiste nell’asportare tutta la porzione sinistra dello stomaco che viene trasformato in un tubulo di piccolo calibro a forma di manica (sleeve in inglese). In queste condizioni non è più possibile assumere alimenti in grosse quantità. Esiste inoltre un meccanismo ormonale che giustifica il successo di questo intervento: il fondo gastrico asportato produce un ormone – la grelina – che stimola l’appetito. Quindi, l’asportazione di questa parte dello stomaco riduce drasticamente il senso di fame.

GIST

Il gastrointestinal stromal tumour (GIST) è una forma poco frequente di tumore della parete dello stomaco la cui malignità è in rapporto alle dimensioni ed alla valutazione istologica di un marcatore (Ki-67). L’intervento di prima scelta fino a dimensioni pari a 7-8 cm. è la resezione laparoscopica della lesione e della porzione di parete gastrica da cui origina. Per le forme più estese è possibile dover eseguire una gastrectomia totale o sub totale, come per il cancro.